Monte Castello di Vibio

L´etimologia del nome "Monte Castello" deriva dalla tipica struttura di fortilizio medioevale costruito in cima ad una collina mentre l´aggiunta del "Vibio" risale ad un´epoca più recente, il 1863, anno nel quale con Regio Decreto del Re d´Italia, Vittorio Emanuele II, alcuni comuni delle province dell´Italia centro – settentrionale furono autorizzati ad assumere nuove denominazioni a causa delle frequenti omonimie che si riscontrarono dopo l´Unità della nazione. La scelta del "Vibio" potrebbe derivare dal nome di un´antica e nobile famiglia di Perugia (denominata in seguito "Colonia Vibia Augusta Perusia") un cui membro divenne imperatore romano. Toponimi con il nome di "Vibio" compaiono nel nome di un´antica abbazia romanica posta nelle vicinanze del paese (San Lorenzo in Vibiata) ed in un iscrizione apposta sopra ad un´urna cineraria di origine romana dedicata a "Tertia Vibia", rinvenuta nei pressi della frazione di Doglio.

Monte Castello di Vibio, situato nella Media Valle del Tevere, alla sommità di un colle, a 422 metri sul livello del mare, è piccolo comune di appena 1650 abitanti circa, caratterizzato da un paesaggio ed un ambiente incontaminato in cui le principali attività economiche ruotano attorno all'agricoltura, il turismo e l'artigianato.Nel centro storico si trovano i veri e propri gioielli conservati grazie anche a una ristrutturazione urbanistica che ha coinvolto edifici pubblici e privati, per dare a questo paese il giusto valore anche dal punto di vista architettonico.

Tra i vari monumenti vi è la Chiesa di Santa Illuminata detta anche del Crocefisso poiché all'interno si custodisce la statua lignea la cui testa (del 1400) fu donata da Beato Placido da Monte Castello, la torre campanaria con il Monumento ai caduti, Piazza Vittorio Emanuele II° con la sua terrazza dove si può ammirare l'ampio panorama a sud dell'Umbria fino a scorgere i monti del Lazio e dell'Abruzzo.

Sulla stessa piazza domina la Chiesa parrocchiale dei Ss. Filippo e Giacomo del XIX secolo, all'interno della quale si venera l'immagine della Madonna dei Portenti con San Carlo Borromeo e un pozzo cisterna del XVI° secolo e la Torre di Porta di Maggio che testimonia le antiche vestigia di questo paese. Di particolare interesse sono i vicoli e gli scorci caratteristici.
Di particolare rilievo è il teatro della Concordia una inestimabile struttura di appena 99 posti tra i palchi e la platea, progettato in pieno clima post rivoluzionario francese del 1789 e poi intitolato proprio a quella "concordia tra i popoli" che si andava ricreando in Europa agli inizi dell´ottocento, quando nove famiglie illustri del paese si diedero da fare per costruire a Monte Castello un luogo di divertimenti e riunioni. La sua inaugurazione è datata 1808, in un periodo di massimo splendore culturale, quasi a volersi riscattare da parte dei montecastellesi di secoli di vicissitudini e di dominazioni subite. Il teatro, si legge in un documento dell´epoca, "venne costruito piccolo, a misura del suo paese". Venne poi affrescato nel 1892 dal giovane pittore Luigi Agretti, appena quindicenne, che si trovava a villeggiare a Monte Castello proveniente da La Spezia, ma figlio di un perugino, Cesare, già autore delle decorazioni, del telone e dei fondali del teatro. Oltre alla normale stagione teatrale, il teatro della Concordia, si è affacciato più volte alla ribalta della cronaca anche nazionale con iniziative e proposte degne di nota, come festival, meeting, rassegne, ecc., che il teatro stesso è in grado sia di ospitare che di promuovere. Nel corso del 2002 il teatro è stato celebrato anche dalle Poste italiane attraverso l'emissione di un francobollo nella sezione "patrimonio artistico e culturale italiano".

MUSEI E GALLERIE
Teatro della Concordia (1808) "il teatro più piccolo del mondo" - apertura: sabato, domenica e festivi. Inoltre rimane aperto nel periodo dal 24 dicembre al 6 gennaio e dal 1^ luglio al 30 settembre. Per appuntamenti e prenotazioni: 075 8780737 – 328 9188892 – e mail: prenotazioni@teatropiccolo.it.

Raccolta di cimeli storici torre di Porta di Maggio: Aperto su prenotazione ed in occasione dei principali eventi e manifestazioni culturali. Per informazioni: Ufficio Informazioni Turistiche: tel. 075 8780711.
Prodotti tipici: olio, vino, ortaggi
Camper service: via Bartolomeo J. della Rovere.

Referenti per Cittaslow: Dr.ssa Catia Marinelli 

 

Principali manifestazioni:

Stagione teatrale del teatro della Concordia: si svolge nel periodo fra autunno e primavera. info: www.teatropiccolo.it.

Festa di S. Antonio da Padova (fraz. Doglio): si svolge nella terza settimana di giugno.
www.doglioinfesta.it.

Festa della Madonna delle Carceri: si svolge tra la fine di giugno e l'inizio di luglio.

Masterclass e Festival di musica classica e antica: terza settimana di luglio.

Sagra della Tequila (fraz. Madonna del Piano): si svolge fra la terza e la quarta settimana di luglio.

Estate a Monte Castello di Vibio (periodo luglio – agosto): spettacoli e concerti per le vie e le piazze del paese. Rievocazione storica medioevale. Cene all'aperto.

Festa dell'Assunta (fraz. Doglio) : 14 agosto
www.doglioinfesta.it

Viaggio nel Presepio (fraz. Doglio): periodo natalizio. Mostra di presepi, concerti e degustazioni.

Natale a Monte Castello: periodo natalizio. Casa di Babbo Natale. Presepe in
miniatura. Spettacoli, concerti e degustazioni.